Azioni sul documento

E del microfono ora, che ce ne facciamo?

Submitted by Carmen Russo on 29/01/2012 19:49 Ultima modifica 29/01/2012 19:49 —
2/3 dei weekend sono andati, finiti, terminati, ma non c'è da essere tristi, giovedì saremo ancora qui!

E finisce così la seconda ondata di Audizioni a Musicultura.
Finisce – anzi inizia- con i problemi tecnici e qualche occhio lucido dato da Francesca Lombardi, ma non so se gli occhi erano lucidi per via della commozione creata dai testi malinconici o per qualche indomabile sbadiglio!
Finisce con Frei, che si è scordato di una chitarra scordata e si è anche scordato di abbassare il volume ad un trombone che accompagnava, allegro e ingombrante, il cantante davvero…frizzante!
Finisce con gli Aguirre, il cui cantante ha incuriosito tutte le donne in sala che si chiedevano invidiose come facesse ad avere un caschetto con la messa in piega così perfetta anche dopo la sudata dell’esibizione!
Finisce con Legramandi, che invece ha conquistato tutti gli uomini in sala. Per il richiamo rosso della sua maglietta? Oppure del biondo acceso del suo crine? Forse per la sua voce così sensuale che non è sfuggita nemmeno alla giuria!
Finisce con i Maddai.  Ma dai?! Sì, lo ammetto è stata la battuta più gettonata in sala stampa (almeno per me)! E più li guardavo più mi veniva voglia di giocare a quel gioco che almeno una volta tutti abbiamo fatto da bambini: Strega strega comanda colore! Colore?! Colore rosso, verde, blu e giallo come i colori delle magliette del gruppo!
Finisce anche con il premio Sisme dato a…nessuno! Ma dai?! No, no non ai Maddai, a nessuno proprio! “Nessuno è riuscito a soddisfare i requisiti per aggiudicarsi il premio”. Giuria dixit.
E poi finisce che forse dobbiamo andare tutti a riposarci dopo un weekend così ricco, ricco di cosa sceglietelo voi!
Finisce? Ma dai!! Finisce solo per questa settimana, giovedì saremo ancora qui! Eh, sì!