Azioni sul documento

Amii Stewart alla XXII edizione di Musicultura

edizione:
in qualità di:
Ospite


Intervista

Benvenuta allo Sferisterio, le emozioni di provare in questo palco?

Io non lo conoscevo e voglio tornare anche l’anno prossimo, questo ti dice tutto…

Che senso ha promuovere in un’iniziativa culturale come Musicultura il progetto umanitario di cui sei promotrice?

È un’associazione perfetta: se vogliamo unire musica e cultura, allora stiamo parlando sia di musica, tutta la bellissima musica di tutto il mondo, e di cultura: nominare collettivamente una candidatura al nobel per la pace, ha significato non solo per le donne africane, ma per tutte le donne del mondo, che faticano tanto e lottano contro guerre, situazioni difficili, ogni giorno…

Come nasce il progetto Walking Africa Deserve?

Si tratta di un progetto della Cipsi, un’associazione che ha proprio lo scopo di far capire quanto bene si possa fare al mondo. Il messaggio mi è piaciuto da subito, ed è per questo che ho aderito volentieri.

Sei entrata nel cuore degli italiani anche grazie a molte collaborazioni: qual è quella che vorresti fare e non ti è ancora capitato?

Guardi, in molti dicono, sbagliando, che ho collaborato con Ramazzotti…ma non è così. Quindi mi piacerebbe collaborare con lui…

Un consiglio ai vincitori delle finali di questa edizione del festival?

Di non prendersi troppo sul serio…se vinci bene,  sennò hai già vinto perché sei qui.




Scheda in formato PDF