Vai ai contenuti. Spostati sulla navigazione

Musicultura

Sezioni
Tu sei qui: Portale Area Stampa I Comunicati Stampa Le Audizioni Live di Musicultura e le altalenanze del premio Sisme: triplice riconoscimento per la migliore performance nell'ultima serata prima della sospensione a causa del maltempo
Navigazione
Musicultura sociale

 

Le Audizioni Live di Musicultura e le altalenanze del premio Sisme: triplice riconoscimento per la migliore performance nell'ultima serata prima della sospensione a causa del maltempo

Azioni sul documento

05-02-2012

Colpo di scena anche per l'ultima giornata di Audizioni Live alla Filarmonica di Macerata prima della sospensione decisa da Musicultura per le giornate di sabato 4 e domenica 5 febbraio. Ormai in questa XXIII edizione la consueta assegnazione del premio Sisme per la migliore performance non ha mai seguito il normale decorso e dopo un ex aequo e una mancata premiazione, è arrivato una triplice gratificazione. Venerdì 3 febbraio hanno ricevuto il microfono SM57 di Shure, offerto dalla Sisme, tutti e tre gli artisti che, sfidando le intemperie hanno raggiunto la Filarmonica e fatto la loro esibizione: Lubjan, Roberto Scippa e Lorenzo Tozzi. A loro un riconoscimento per la coerenza artistica e "l'intraprendenza escursionistica contro la neve".

La serata si è svolta in un tono senz'altro più dimesso rispetto alle serate precedenti che hanno fatto registrare sempre il sold out ma in tanti non hanno voluto perdere l’atteso appuntamento con la musica d’autore. I più temerari hanno raggiunto il teatro e si sono goduti lo spettacolo dal vivo ma a coloro che non si sono potuti muovere, impediti da una neve che non ha dato tregua, è stata garantita la solita diretta di YouItaly sul canale tematico www.musicultura.tv. Tantissime sono state infatti le connessioni registrate sul web da pc, tablet, smartphone, iPad, iPhone…

Ad aprire la serata Lorenzo Tozzi con due canzoni d'amore, Io ci sono se hai bisogno,  L’amore forte forte  e 1923, nato da un ricordo di famiglia e ispirato al mondo emotivo del distacco e della partenza degli emigranti italiani verso l’America:  “Mi sento sempre sospeso”  racconta l’artista “sempre in partenza e mai in arrivo . Mi commuove tutto ciò che sfiora il cuore senza rumore, mi commuove la verità delle cose e delle persone".

E' stata poi la volta del cantautore romano Roberto Scippa che ha proposto in chiave acustica, La testa che gira a vuoto, Al rogo dei perchè’, una canzone dedicata al fuoco del dubbio in quanto dice l’artista “al gelo delle certezze preferisco il fuoco dei miei perché” e Canzoni al lavoro. Tutti brani in cui emergono forti gli influssi del talking blues tanto amato dal Greenwich Village  degli anni '60 e '70.

A chiudere le audizioni della serata Lubjan,  la cantautrice british folk-rock di origine veneta. Lubjan si è esibita con uno stile raffinato. Accompagnata dal marito Floriano Lubjan ha lanciato un messaggio molto forte “Non bisogna aver paura di soffrire” racconta l’artista “nella mia infanzia ho fatto un percorso difficile e per me la musica e’ stata terapeutica, mi sento una cantautrice malinconica e ne sono felice perché le persone dopo i concerti mi vengono a ringraziare per una mia frase che li ha aiutati a vivere meglio”.

A breve verranno fissate le giornate di recupero delle Audizioni Live per i 12 artisti che devono ancora affrontare la commissione d'ascolto di Musicultura.

Newsletter
Iscriviti alla newsletter per essere sempre al corrente di tutte le novità di Musicultura.
* richiesto