Cogito

"Cicca & caffè"

Musicultura

XXXI Ed. - 2020

Il testo

Tienimi in un pugno di mani
metti ai miei pensieri le ali
le basi non le danno le elementari
sei la mia casa ma ho perso le chiavi

Amo quando mi chiami
ma da me cosa ricavi
non dico niente, pensieri vaghi
non so se e come te le cavi

Con i silenzi
Trovarsi quando si è persi
con i vestiti sparsi
von me che da ubriaco provo a chiamarti

Mi trovi in silenzio per strada
con le mani in tasca e le idee per aria
se mi colpisci no non dico Ahia
odiami  asì està mejor que nada

Perché proprio me
ora non riesco a stare senza di te
come cicca e caffè
come cicca e caffè
perché proprio me
ora non riesco a stare senza di te
come cicca e caffè
come cicca e caffè

Io che amo il secondo ma per te
odio la prima
perché viene prima di me (Tu prima di me)
bevo un’altra birra
lo so che non fa bene
bevo un’altra birra
così viene come viene

Che se tu sei il sole io sono la pioggia
vorrei essere una canzone che canti sotto la doccia
essere il mondo sotto la gonna
o l’emozione della prima volta

Perché proprio me
ora non riesco a stare senza di te
come cicca e caffè
come cicca e caffè
perché proprio me
ora non riesco a stare senza di te
come cicca e caffè
come cicca e caffè

Avrei voluto guardarti prendere sonno
l’ho preso prima io, ci siamo visti in sogno
la nostra canzone preferita di sottofondo
ti giuro era la fine del mondo, la fine del mondo

Perché proprio me
ora non riesco a stare senza di te
come cicca e caffè
come cicca e caffè
perché proprio me
ora non riesco a stare senza di te
come cicca e caffè
come cicca e caffè (2 vv.)

Perché perché
proprio me
perché perché