Luca Bocchetti

"Furius"

Vincitore

Musicultura

XXX Ed. - 2019

Il testo

(Luca Bocchetti)

Quando è nato mi’ fratello
maggio der ‘93
papà mio stava a bottega
ma nun seppi mai er perché

Mamma s’è rotta la schiena
pe’ fa ‘n modo che la cena
stasse ‘n tavola ogni sera
finché ha smesso de campà

Mi’ fratello era ‘n macello
cor talento pe’ la boxe
si nun stava giù ‘n palestra
stava ‘n giro a spadinà

Lo chiamano er Furius
e nun c’ha paura
a noi la vita c’ha colpito
sempre sotto la cintura
lo chiamano er Furius
nun è ‘n peso piuma
e tu lo sai com’è la rabbia
bolle ‘n petto e te consuma

Quando è nato mi’ fratello,
me so messo a lavorà
capirai, io ero ‘n pischello
ma j’ho fatto da papà
nun so’ mai annato a scola
quindi mo nun so spiegà
er dolore che m’ha dato
s’è fatto pizzicà

L’hanno preso ‘n giorno a Ostia
che se stava a fa’ ‘na Smart
co’ du’ grammi ner taschino
“viè ‘n questura e nun fiatà”

Lo chiamano er Furius
e nun c’ha paura
perché è sortanto ‘n incosciente
disgraziato, testa dura
lo chiamano er Furius
è ‘n pezzo de core
ma che ne so da ‘ndo je vengono
‘sta smania, ‘sto furore?

Quando è morto mi’ fratello
sto a parlà de ‘n mese fa
disse er medico legale
“de che è morto, nun se sa”
so che ‘n secondino ha detto
brutte storie su papà
mi’ fratello, co’ du’ ganci
je l’ha fatte rimagnà

So’ arivate sette guardie
pe’ portallo ‘ndo nun so
so soltanto che quer giorno
è finito KO

Lo chiamano er Furius
nun è ‘n peso piuma
e tu lo sai com’è la rabbia
bolle ‘n petto e te consuma
c’è buio e c’è furia,
c’è tanta paura
nell’uomo che cammina in tondo
in gabbia nella sua sventura