coreAcore

"La cortellata"

Vincitore Miglior Interpretazione

Musicultura

XXV Ed. - 2014

Il commento di Musicultura

Felice bozzetto cinematografico di vita di paese, segnato da una apertura musicale piacevolmente ariosa.

Il testo

Quanno apri er core der giglio, ce trovi ‘na zella che te fa pensà
quanno finisce la festa, quello che resta è robba da buttà
così nell’amor più gentile cadute de stile ‘n se fanno aspettà
e passato l’abracadabra sò nere parole che tocca ascoltà

Quanno l’ape se ‘ncontra cor fiore or vino cor bicchiere se inizia a canta’
pure dentro l’amore all’inizio, pare n’armistizio ‘n se fa che parlà
poi come davanti alla gricia tutto de ‘n tratto ‘n se sente fiatà
er primo bacio che se posa lieve, come la neve tutto azzittirà

Mo’ quasi quasi vado ar bar della cortellata
mejo na cortellata che stacce a pensa’
mo’ quasi quasi mi confido con un infame
perché senz’esser tradita io non so’ piu’ star

Se sposa la ritardataria co quello puntuale baccajano ma stanno a giocà
la colazione se la portano al letto “no grazie a me niente per carità”
s’allargano li fianchi de moji e mariti come rose che se stanno a guastà
e li problemi li cancellano i figli, ma a me sta magia m’ha segata a metà

Mo’ quasi quasi vado ar bar della cortellata
dopo tutto ‘sto silenzio mo vojo strilla’
mo’ quasi quasi mi consolo con un infame
tanto peggio de te che mai potrà fa…

Amore troveme e portame a casa, strillame dimme co te nun ce vojo più sta’
riempime de botte pe’ tutta la notte, famme passa’ tutta quanta sta voja d’amà

Mo’ quasi quasi vado ar bar della cortellata
mejo ‘na cortellata che stacce a pensa’
mo’ quasi quasi mi confido con un infame
perché senz’esser tradita io non sò piu’ star
quasi quasi vado ar bar della cortellata
dopo tutto sto silenzio mo vojo strilla’
mo’ quasi quasi mi consolo con un infame
tanto peggio de te che mai potrà fa’
tanto peggio de te che mai potrà fa’
tanto peggio de te che mai potrà fa’

L’esibizione allo Sferisterio