Giovanna Panza

"‘O tuorto e ‘a raggione"

Vincitore

Premio Città di Recanati

XV Ed. - 2004

Il testo

‘O nomme mio è “’a raggione”,
Saglie affannosa ‘ncoppa a sti’mbruglie

Tu me cunusce i’so “o tuorto”
E int’a sti’ccase tutte me sanno

Dimme addo’ sta’a reggione
Quanno’o tuorto piglia (x2)
Piglia sempre chello ca vvo’

‘O nomme mio è “a’raggione”,
Saglie affannosa ‘ncoppa a sti’mbruglie

Vulesse almeno’na vota
Pruvà ‘ stu tuorto
Pe’ ne putè scampà

E nun cercà cchiu raggione
Ne’’na manera pe’ne putè sperà

Dimme addò sta’a raggione
Quanno po’cu’tte
Nun riesco cchiù a parlà

‘O nomme tuo è’a “raggione”
Strada addirosa can un saccio truvà*

*IN TALIANO
IL TORTO E LA RAGIONE

Il mio nome è la “ragione”
Salgo affannosamente tra questi imbrogli

Tu mi conosci, io sono “il torto”
E in queste case tutti sanno di me

Dimmi dove sta la ragione
Quando il torto prede (x2)
Prende sempre quello che vuole

IL mio nome è la “ragione”,
Salgo affannosamente tra questi imbrogli

Vorrei almeno un volta
Appartenere a questo torto
Per poter sopravvivere

E non cercare più ragione
Né un modo per poterne sperare

Dimmi dove sta la ragione
Quando con te
Non riesco più a parlare

Il tuo nome è la “ragione”
Strada profumata che non riesco a trovare.