Ernest Lo

"Ssialaé"

Musicultura

XXXI Ed. - 2020

Il testo

Mi piace respirare il tuo respiro
l’odore del tuo alito è superlativo
e poi mi piace la tua lingua
il sapore del palato e delle labbra
mi piace morderti le orecchie
ma in realtà ti mangerei letteralmente
e poi mi piacciono i tuoi denti
quando sorridi il mio pene da 13 diventa 20
e non so se ci tieni, certo è che tu non vieni

Ma io ti amo lo stesso, non me ne importa niente
l’amore non è fisico, è un prodotto della mente
insieme al cuore si può costruire
ma il sole da solo no, non può bastare
c’è bisogno di qualcosa da illuminare (4 vv.)

La secrezione dei tuoi liquidi
mi fa letteralmente venire i brividi
e poi mi piace la tua pancia
mi piace accarezzarla con la mia guancia
e poi mi piacciono i tuoi piedi sbarazzini
mi piacciono con o senza calzini
e poi mi piacciono i tuoi seni
quando li vedo mi dicono “Vieni, vieni, vieni!”
E non so se mi vedi, certo è che non mi credi

Ma io ti amo lo stesso, non me ne importa niente
l’amore non è fisico, è un prodotto della mente
insieme al cuore si può costruire
ma il sole da solo no, non può bastare
c’è bisogno di qualcosa da illuminare (4 vv.)

Quando sento a distanza di chilometri, l’odore dei tuoi capelli
sento cantar gli uccelli
quando sento a distanza di chilometri, il battito delle tue ciglia…
mi sento venir meno dalla voglia (2 vv.)
e non so se ci tieni, certo è che non mi credi

Ma io ti amo lo stesso, non me ne importa niente
l’amore non è fisico, è un prodotto della mente
insieme al cuore si può costruire
ma il sole da solo no, non può bastare
c’è bisogno di qualcosa da illuminare (8 vv.)