Myriam Lattanzio

"Terra e sanghe"

Vincitore

Premio Città di Recanati

VI Ed. - 1995

Il testo

A’ terra mia
è ‘na pozza ‘e sanghe
addò ‘a ggente se bagna ‘e ddete
p’o segno d’a croce.

E’ ‘nu criaturu
ca fatica a nero
p’asci d’o nniro d’a strada.

E’ rossa, è nera
ma sponta sempre quanno è ssera
‘a luna.
E bolle, bolle, bolle stu sanghe
comme ‘o rraù int’e ccase d’a ggente.
Bolle ‘o sanghe, bolle int’e vvene
purtammo sempre appriesso ‘sti ccatene.

E vagammo p’o munno
sparse p’a via
simmo mani senza dita
vulessemo acchiappà ‘a vita
ce torna a fuj’.
E per scaldarci dal freddo
abiam bruciato il passato
e mò ce simme scurdate
chi ha avuto e chi ha dato
ma currime, currime
senza scarpe e senza uocchie
pe’ guardà.

Ma tenimmo ‘o mare
ca lava ‘e mmacchie d’o munno.
Ma tenimmo ‘oo mare
ca lava ‘e fferite d’o munno.

‘A terra mia
è ‘a girone ‘e l’inferno
quanti mmane s’hann arrubbato ‘o sole
pe’ nnuje è sempre vierno.

E’ ‘na vecchia
ca se trascina areto
‘a stanchezza ‘e ‘na vita.

E’ fuoco, è fiamme
e luntano a cercà, ce ne jamme
furtuna.
E bolle, bolle, bolle stu sanghe
è comme lava int’all’uocchie d’a ggente
Bolle ‘o sanghe, bolle int’e vvene
ccà s’è ammiscato ‘o bbuono
e ‘o mmalamente